venerdì 12 dicembre 2014

Paula Modersohn-Becker al Lousiana Museum di Humble, in Danimarca.

Paula Modersohn-Becker,
autoritratto
A Paula Modersohn-Becker è dedicata una mostra che si sta tenendo presso il Lousiana Museum di Humble, in Danimarca, dal 5 dicembre  e visitabile fino al 6 aprile 2015

Qualcuno dice che in esposizione è possibile trovare cento dipinti e quaranta disegni, altri, novanta dipinti e sessanta disegni...comunque sia, considerevole è il numero di opere della Becker che riescono a far riemergere tutta la grandezza di questa importante innovatrice del primo Espressionismo tedesco, per quasi un secolo tenuta in uno stato di oblìo latente (voglio ricordare che la pittura della Becker fu considerata "degenerata" dal regime nazista ed anche un suo dipinto fu esposto nella tristemente nota "mostra sull'Arte degenerata" organizzata nel 1937). 
Nonostante ciò e nonostante sia riuscita a concentrare gran parte di quegli elementi negativi che hanno dato notorietà e considerazione a decine e decine di artisti dell'epoca : un matrimonio barcollante e altalenante e poi, a soli 32 anni, la fine...a seguito del parto della figlia Mathilde (che nel 1978 fondò un museo dedicandoglielo), non è mai diventata "famosa"...anzi, "famosa" lo divenne (dopo la sua morte) ma non per la sua pittura quanto per le sue opere epistolari. E non le fu di aiuto - per "vender quadri" - neppure la sua frequentazione col poeta Rainer Maria Rilke che, dopo la sua morte, le dedicò il conosciutissimo "Requiem per un'amica".

Ah...un ultima notiziuola : Paula Modersohn-Becker è stata la prima pittrice a ritrarsi ignuda in alcuni suoi dipinti (naturalmente dopo la nostra bella e brava Artemisia Gentileschi che lo fece già nel XVII° secolo).