martedì 24 febbraio 2015

Tra collezionismo e mercato fino al 1914. Alessandro Imbert e la maiolica italiana

È prevista per sabato 28 febbraio, alle ore 11 nel Museo di Palazzo Davanzati (nell’omonima piazza di Firenze) la conferenza dal titolo “Tra collezionismo e mercato fino al 1914. Alessandro Imbert e la maiolica italiana” che sarà tenuta da Lucio Riccetti, docente dell’Università di Perugia.

Negli anni  Riccetti ha concentrato i suoi studi sugli aspetti storici, sociali e culturali del Medioevo e specialmente sulla cattedrale di Orvieto. Il suo lavoro di ricerca attuale mette a fuoco l’interesse del XIX secolo per il Medioevo, in particolare rispetto al formarsi del gusto che portò al collezionismo delle ceramiche medioevali.

 L’argomento della conferenza è di grande interesse anche in relazione alla nascita del Museo della Casa Fiorentina Antica, voluto da Elia Volpi nel 1910, e alla presenza di numerosi esemplari di ceramica d’uso e maiolica nei suoi ambienti quale parte integrante dell’arredo domestico di una abitazione “ideale” del Rinascimento.

L’ingresso alla conferenza è con il biglietto del museo, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Segnalato da Marco Ferri