martedì 18 luglio 2017

Ivo Soldini alla Pinacoteca Comunale Casa Rusca

Dal 4 giugno al 13 agosto 2017 la Pinacoteca Comunale Casa Rusca dedica una mostra all’artista Ivo Soldini, che presenta una selezione di sculture realizzate nel corso degli ultimi vent’anni.

L’esposizione, dal titolo Le forme nel nero, s’inserisce nel progetto Locarno Arte, giunto al quinto appuntamento, volto a valorizzare il talento e le ricerche espressive di artisti del territorio.

Anche questa primavera Casa Rusca affianca alla sua principale esposizione un nuovo appuntamento di Locarno Arte, secondo il desiderio della Città di incrementare la sua offerta culturale. Come di consueto ci si è rivolti a un artista del territorio, in questo caso di consolidata fama in Svizzera.

Si ricorda che Locarno Arte si impegna a presentare forme svariate di espressione artistica alternando linguaggi, tecniche, poetiche e visioni. Cara Rusca è lieta di accogliere proposte creative originali, caratterizzate da un’alta qualità esecutiva.


Ivo Soldini (*1951), scultore ticinese attivo dalla metà degli anni Settanta sulla scena artistica svizzera, presenta al pubblico un’accurata selezione di bronzi degli ultimi vent’anni. Viene esposto anche un dipinto, tecnica da lui prediletta agli esordi dell’attività artistica. Per l’occasione Soldini ha inoltre realizzato un grande disegno a carboncino per la parete di entrata della mostra.

Le forme nel nero accompagna il visitatore attraverso la carriera dello scultore e i suoi soggetti prediletti, legati alla figura umana. Sono pertanto esposte le Verticali nella loro declinazione maschile e femminile, gli Inclinati emergenti diagonalmente nello spazio, i gruppi compatti o dalla composizione fortemente tesa, i busti e le varie versioni di teste perlopiù striate. Si potrà percepire così il suo sguardo alla scultura del Novecento, soprattutto ad Alberto Giacometti, ma anche a Wotruba e Marino Marini. L’attenzione è rivolta all’interiorità, espressa attraverso le superfici corrose e il segno incisivo e all’instabilità dell’essere, attraverso corpi inclinati, che si contorcono, che si ingrandiscono. Originalità, unità espressiva e perizia esecutiva caratterizzano l’opera dello scultore di Ligornetto, valida testimonianza della qualità del panorama artistico ticinese.


Nota biografica
Ivo Soldini nasce il 9 ottobre 1951 a Lugano. Frequenta le scuole dell’obbligo a Bellinzona e il Liceo cantonale a Lugano. Segue poi per un anno i corsi dell’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano (1972-73), dando avvio alla propria attività di artista. Durante i tre anni successivi frequenta l’Università Statale di Milano, in particolare le facoltà di scienze politiche, lettere e storia dell’arte. Viaggia in Europa visitando musei, gallerie e intrecciando contatti con artisti di diversi paesi.Nel 1973 inizia a esporre in gallerie e luoghi pubblici in Svizzera e all’estero. Dapprima si dedica al disegno e alla pittura e dal 1975 lavora il bronzo, ma anche l’alluminio per creare sculture e rilievi di piccolo e medio formato. Le opere monumentali destinate a spazi pubblici risalgono invece soprattutto agli anni recenti. Sin dagli esordi esegue importanti opere per luoghi pubblici e privati.

L’artista vive e lavora a Ligornetto, nella casa paterna.
www.ivo-soldini.com