mercoledì 14 giugno 2017

Aperitivo Futurista con Campari

Alla Fondazione Magnani-Rocca è tutto pronto per un vero e proprio ritorno al Futurismo! Proprio così, il prossimo 17 giugno, in collaborazione con CAMPARI, Vi accompagneremo alla riscoperta degli anni Venti e Trenta, quando dall’altra parte dell’oceano si viveva l’epoca del proibizionismo, mentre in Italia Marinetti e compagnia lanciavano la risposta autarchica italiana ai cocktail creando le più azzardate e originali miscele utilizzando liquori nazionali. 



I cocktail storici e vintage stanno tornando di moda in tutto il mondo, ma non tutti sanno che i futuristi, nel loro magma creativo, si appassionarono al mondo della miscelazione; il Futurismo fu un movimento avanguardista che aveva nella provocazione la sua forza e la sua linfa creativa, un movimento nazionalista e autarchico tanto da rifiutarsi di chiamare i cocktail con un nome inglese e quindi chiamarli polibibite suddividendole in categorie: dalle ‘snebbianti’ che dovevano liberare la mente da inutili moralismi, alle ‘inventine’ per avere fulmineamente idee nuove e originali, fino alle ‘guerra in letto’, che preludevano a incontri galanti. A distanza di quasi 90 anni, queste creazioni ardite e geniali mantengono intatto tutto il loro spirito innovativo. 

Avrete la possibilità di scoprire miscelazioni realizzate in quegli anni dai Futuristi e di assistere alla preparazione di alcune polibibite con placafame in abbinamento, tratte dai ricettari futuristi, nella cornice unica del giardino della Fondazione Magnani-Rocca fra le sagome dei più sorprendenti personaggi creati da Fortunato Depero, con musica swing anni Venti e Trenta ... Vi invitiamo anche a scatenarVi nelle danze all’ombra degli alberi secolari! 

Curiosi di saperne di più? 
Vi aspettiamo alla Fondazione Magnani-Rocca sabato 17 giugno dalle 18 in poi e ricordatevi che, come diceva Filippo Tommaso Marinetti, “l'Uomo pensa, sogna ed agisce secondo quello che beve e mangia”.

Per l’occasione, dalle 18 a mezzanotte ingresso gratuito al parco e alla corte della Villa. Ingresso ridotto € 5 alla Villa-museo e alla mostra “Depero il mago” per chi si presenterà in abito rosso Campari, riduzione anche per un accompagnatore. Apertura Villa-Museo prolungata fino alle ore 20 con speciale visita guidata alla mostra Depero alle ore 18.30 (costo guida € 5 oltre al biglietto d’ingresso)
APERITIVO AL ‘BISTROT DELLA VILLA’ GESTIONE FATTORIE CANOSSA – buffet con prima consumazione obbligatoria € 10.

APERITIVO FUTURISTA!
Fondazione Magnani-Rocca, Sabato 17 giugno dalle 18 a mezzanotte - per informazioni: Tel. 0521 848327 segreteria@magnanirocca.it 
www.magnanirocca.it www.campari.com

Campari è anche una storia d’arte, design e creatività.
L’idea dell’Aperitivo Futurista nasce come evento collaterale alla mostra in corso alla Fondazione Magnani-Rocca DEPERO Il mago, dedicata a Fortunato Depero, il più creativo degli artisti futuristi, firmatario del manifesto “Ricostruzione futurista dell’universo”, che collaborò con Davide Campari negli anni ’20 e ’30 realizzando i famosi bozzetti per le pubblicità dei suoi prodotti.

Il grande industriale nel 1932 ritenendo maturi i tempi per presentare al mercato il primo aperitivo monodose pronto da bere, commissiona a Fortunato Depero l’ideazione della bottiglia che avrebbe dovuto contenerlo. La sua inconfondibile bottiglietta conica, a forma di calice rovesciato, è ancora oggi icona del design e dell’aperitivo italiano. 

La forma conica è distintiva dell’opera di Depero per Campari già dalla metà degli anni Venti. Dapprima compare in due pupazzi-scultura del 1925/1926, seguiti nel 1928 dal bozzetto Campari Soda, in cui compare l’immagine della bottiglietta sormontata da un tappo a corona e negli anni successivi da altre chine in cui la forma tronco-conica è protagonista.

Davide Campari denuda la bottiglia dell’etichetta per far risaltare l’intensa tonalità di rosso attraverso il vetro e stampa a rilievo il nome del marchio e della ditta: “Preparazione speciale, Davide Campari & C. Milano – Campari Soda”. I tratti distintivi della bottiglia sono e rimarranno la forma, il colore, il materiale, la texture a buccia d’arancia, elementi di rottura rispetto alle convenzioni delle forme pubblicitarie tradizionali dell’epoca. 

Nel 1919 Depero aveva creato la Casa d’Arte Futurista, con funzioni paragonabili a quelle di un’odierna agenzia di pubblicità, mettendo poi a punto proprio per Campari un’originale strategia di comunicazione. Per lo stesso Depero “l’arte deve marciare di pari passo all’industria, alla scienza, alla politica, alla moda del tempo, glorificandole – tale arte glorificatrice venne iniziata dal futurismo e dall’arte pubblicitaria – l’arte della pubblicità è un’arte decisamente colorata, obbligata alla sintesi... arte gioconda – spavalda – esilarante – ottimista”.

DEPERO Il mago
Fondazione Magnani-Rocca, via Fondazione Magnani-Rocca 4, Mamiano di Traversetolo (Parma). 
Dal 18 marzo al 2 luglio 2017. Lunedì chiuso.
Ingresso: € 10,00 valido anche per le raccolte permanenti e per Cézanne/Morandi 
Informazioni: tel. 0521 848327 / 848148 info@magnanirocca.it www.magnanirocca.it
Mostra e Catalogo (Silvana Editoriale) a cura di Nicoletta Boschiero e Stefano Roffi.

La mostra è realizzata grazie a: FONDAZIONE CARIPARMA, CRÉDIT AGRICOLE CARIPARMA.
Media partner: Fidenza Village, Gazzetta di Parma, Kreativehouse.

Aperitivo Futurista in collaborazione con
Galleria Campari, Fattorie Canossa-Bistrot della Villa, Parma Lindy Hoppers